Sii te stesso, sii diverso, migliora il mondo

  • Brian Ferguson
  • 0
  • 4688
  • 97

Quando mio figlio era piccolo, ogni anno all'inizio della scuola, andavo a incontrare i suoi insegnanti e chiunque altro fosse coinvolto nella sua istruzione - amministratori, bibliotecari, ecc. Andavo con mio figlio e suo padre gay e la mia compagna lesbica; eravamo tutti lì per garantire il nostro sostegno a nostro figlio, alla sua classe e alla comunità scolastica. Eravamo lì anche per chiarire che la nostra famiglia sarebbe stata visibile e impegnata.

Ricordo ancora la risposta dell'insegnante di prima elementare di mio figlio, Sr. Marquez. (Questa era una scuola di immersione in lingua spagnola, quindi abbiamo usato "Sr." invece di "Mr.") Sr. Marquez ha chiarito all'orientamento del grande gruppo che era stato per un breve periodo un sergente istruttore dell'esercito e che i suoi cinque i bambini, insieme ai suoi alunni di prima elementare, hanno imparato a marciare in linea retta. Quando lo abbiamo incontrato personalmente, avevo una certa trepidazione - basata su nient'altro che stereotipo - sul fatto che avrebbe accettato la nostra famiglia. La sua risposta al nostro incontro è stata ammirevole.

Ci ha stretto la mano e poi ha guardato nostro figlio e ha detto: "Come sei fortunato ad avere così tante persone che ti amano".

Indipendentemente dalle sue opinioni personali, sapeva come fare il suo lavoro. E ammettiamolo, un sergente istruttore diventato insegnante di prima elementare è un ragazzo piuttosto interessante.

Questo è il punto: molti di noi sono "diversi" in un modo o nell'altro, eppure spesso raccontiamo le storie e proponiamo i sé che riceveranno privilegi sociali. Vorrei che ne facessimo di meno.

Sii coraggioso. Essere audaci. Sii te stesso. È così che arriviamo a ricordare che la diversità umana è ampia e innovativa e davvero meravigliosa.

Essere queer è una forma di "differenza" che può ancora ispirare abusi e discriminazioni. Sta diventando sempre più probabile incontrare insegnanti come Sr. Marquez. Ma non c'è garanzia.

Dobbiamo essere aperti riguardo alle nostre vite perché è così che le persone rivedono le loro paure e pregiudizi. Vivere una vita aperta - in tutti i modi possibili - è una forma di attivismo culturale.

Spesso, l'attivismo è espresso solo in termini politici, ma è importante riconoscere sia l'attivismo politico che l'attivismo culturale. Se vivi abbastanza apertamente da rompere gli stereotipi sulle "persone come te", questa è una forma di attivismo culturale. È vitale per il miglioramento sociale come tutto ciò che accade nell'arena politica. Cultura e politica si influenzano a vicenda. È particolarmente bello quando riconosciamo quello che stiamo facendo, continuiamo a imparare e organizzarci insieme.

Per chiarire, l'attivismo politico è ciò che accade quando lavori per cambiare le leggi, per eleggere candidati specifici o per cambiare il modo in cui vengono fatte le regole. Ciò include azione diretta, campagne, organizzazione sindacale, ecc. L'attivismo politico è importante e i risultati sono spesso direttamente correlati alle azioni. Sai se una persona è stata eletta o una legge è cambiata. Puoi vedere chiaramente cosa deve essere contrastato (anche se le persone non sono sempre d'accordo su dove andare dopo!). Coloro che sono attratti dalla conoscenza dei sistemi pubblici e lavorano per il loro miglioramento stanno dando un contributo importante.

Anche l'attivismo culturale è importante, anche se a volte è più difficile vedere una relazione diretta di causa ed effetto tra il lavoro e il risultato. Questo è il lavoro in cui mi impegno come narratore e scrittore quando uso l'umorismo e l'intimità per aiutare il pubblico a scoprire se stesso come creatore sociale. Uso storie sulla vita sociale per aiutare le persone a vedere l'assurdità di cose come il sessismo e il razzismo nella vita quotidiana. Una volta che ne siamo consapevoli, possiamo continuare a imparare, ad agire, a organizzarci, anche se non sempre con una chiara tempistica verso il cambiamento delle politiche. Questo tipo di attivismo include cose come performance, conferenze di oratori, arte, gruppi di sensibilizzazione, preghiera mirata, produzione cinematografica, ricerca, servizio verso gli altri e differenza quotidiana.

Una vita non normativa vissuta apertamente è una forma di attivismo culturale. (Sì, essere te stesso, coraggiosamente, può rendere il mondo un posto migliore.)

Quasi tutti i cambiamenti pubblici coinvolgono entrambe le forme di attivismo. Negli Stati Uniti alcuni dei nostri attivismo per i diritti civili più vibranti e di successo hanno avuto luogo negli anni '60 e '70. (E stiamo ancora sperimentando il contraccolpo e lo slancio in avanti di quei movimenti.) Martin Luther King Jr. era una figura importante, così come molti lavoravano per cambiare leggi e politiche. A volte questi attivisti erano in contrasto tra loro. Gli attivisti politici hanno spesso trovato i metodi di King dirompenti e non direttamente correlati al cambiamento delle politiche che avrebbero influenzato la vita delle persone. Una volta è stato chiesto a King, con tono sprezzante, se avesse mai cambiato qualche legge (supponendo che quella fosse la cosa importante da fare), e lui ha risposto, "No, ma ho cambiato molti cuori."

Queste due forme di attivismo si alimentano a vicenda e consentono alle persone di essere, fare e desiderare cose diverse. Le persone graviteranno naturalmente verso diversi tipi di attivismo; non esiste un modo giusto. Possiamo celebrare tutti coloro che contribuiscono in modi per loro piacevoli e significativi.

La chiave è cercare piacere e connessione con la comunità nel creare tutti questi sforzi. Gli sforzi che funzionano meglio, storicamente, sono quelli che ispirano e portano piacere. Persegui ciò che ti sembra più eccitante piuttosto che ciò che sembra essere più importante.

A volte è difficile connettersi all '"importanza": abbi fiducia che ciò che ti spinge a ciò che è importante e mantieni la conversazione aperta.

Concentrarsi sull'azione positiva piuttosto che sulla difesa ci porta più chiaramente in noi stessi come creatori culturali. L'inizio di un nuovo anno scolastico è un momento di festa, per esempio. È un momento di attesa, preparazione e ottimismo per l'anno a venire. Questo è lo spirito con cui la mia famiglia si avvicinava ogni anno ai nuovi insegnanti di nostro figlio. A volte è stato spaventoso e ognuno di noi ha contribuito e ricevuto premi nel processo.

Più riconosciamo la capacità di creare ciò che immaginiamo, più facile diventa agire e quindi agire di nuovo quando si presenta il problema successivo.

Dopo tutto, non esiste una grande montagna da scalare per il miglioramento sociale. Dobbiamo nutrire noi stessi e gli altri come creatori, abili nell'apprendimento, nel lavoro e nella celebrazione a lungo termine.




Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

Articoli utili sulle relazioni e sulla vita che ti cambieranno in meglio
Il principale sito web di lifestyle e cultura. Qui troverai molte informazioni utili sulle relazioni. Molte storie e idee interessanti