Non mi interessa il crepacuore, voglio cadere follemente

  • Jack Thornton
  • 0
  • 4369
  • 802

La mia migliore amica si china sulla console centrale della sua macchina, fingendo di cercare un pacchetto di gomme da masticare. Evita i miei occhi, anche se sa che la sto fissando, in attesa di una risposta.

"Non lo dico in modo negativo", dice, "Non è male che ti piaccia davvero."

Si ferma e io guardo dal finestrino della macchina il sole che fa capolino a malapena dalle cime delle case sulla collina. “Penso solo che tu debba stare attento. A volte cadi troppo forte. "

Annuisco. Perché è quello che dovrei fare. Perché so che sta solo cercando di aiutare, per impedirmi di rimanere coinvolto in un ragazzo, in un uomo che non amerà con la stessa tenacia che faccio io. So che è solo un'amica, che cerca di sostenere, di prendersi cura, di guidare.

Ma non mi interessa.

Non mi importa se cado troppo forte, troppo velocemente. Non mi importa se faccio un pasticcio di me stesso. Se do una possibilità alla persona sbagliata. Se passo avanti in qualcosa, credendo nella sua bontà, e finisco con niente. Non mi importa se sono deluso o ferito. Non mi interessa se alla fine mi si spezza il cuore.

Ciò che conta per me è che vivo senza paura, è che amo con coraggio, è che guardo indietro e so che ho dato a questa vita e alle persone in essa tutto ciò che avevo.

Ciò che conta per me è che investi nelle relazioni in cui credo, è che provo invece di andarmene, è che corro dei rischi invece di chiedermi 'e se', è che lascio che il mio cuore mi conduca in posti bellissimi, anche se non finiscono come luoghi per sempre.

Tira la retromarcia e io guardo il sole tramontare ancora più in basso tra le nuvole. La giornata sta quasi finendo, facendo risaltare i lampioni ei caldi maglioni di un autunno della costa occidentale. Restiamo in silenzio per un momento, la radio si è abbassata. Ascolto il ronzio delle ruote sul marciapiede, le voci soffocate di sconosciuti che si aggirano per la strada.

"È solo che non voglio vederti ferire di nuovo."

Chiudo gli occhi al suono della sua voce, ripenso subito alle relazioni del mio passato. All'uomo che amavo con tutto ciò che avevo, ma perso a distanza. Per il ragazzo ero troppo occupato a cercare di aggiustarlo per vedere che nessuno di noi era pronto. Al ragazzo che mi ha lasciato con nient'altro che un amaro in bocca quando ci siamo separati. Ad altri in mezzo, ma altrettanto doloroso.

Perché ognuna di quelle relazioni era reale per me.

E avevo dato loro tutto me stesso.

Faccio un respiro profondo. In fondo alla mia mente, so che ha ragione, in una certa misura. Forse dovrei cercare di essere un po 'meno rumoroso, un po' più attento. Forse dovrei rallentare e lasciare che l'amore venga naturalmente invece di tuffarmi a capofitto in esso. Forse dovrei trattenermi, essere un po 'più cauto per non andare in frantumi se le cose non vanno a modo mio.

Ma non posso fare a meno del modo in cui il mio cuore ama.

Non posso fare a meno del modo in cui mi immagino con una persona, il modo in cui intreccio i nostri mondi al nostro primo tocco. Non posso fare a meno di scrivere poesie quando bacio, o di abbattere i muri quando incontro qualcuno di nuovo. Non posso fare a meno di lasciare andare il passato quando cado in un'altra persona, fingendo di non essere mai stato ferito prima e confidando nel potenziale di ciò che potremmo essere.

Non posso fare a meno di ignorare i segnali di pericolo.
Non posso fare a meno di amare amare.

Svoltiamo l'angolo, ci fermiamo al semaforo rosso. Vedo una coppia attraversare la strada, mano nella mano. E penso a tutti i ricordi del mio passato: il tempo che ho condiviso con le persone che amo e come, indipendentemente dal risultato, non potrei mai pentirmi, non vederlo mai come una perdita. Non potrei mai guardare indietro e voler cambiare le mie relazioni, dimenticare le persone che una volta vedevo come il mio tutto.

Non mi importa di non aver ancora trovato quello, di essere stato ferito, di aver perso tutto. Non mi interessa se sono stato confuso o fuorviato, tradito o lasciato. Non mi importa di aver dato sentimenti che siamo ricambiati.

Non mi importa del crepacuore, voglio solo cadere follemente.

Voglio cadere profondamente. Voglio cadere appassionatamente. Voglio cadere con ogni osso, muscolo e cellula del mio corpo, volentieri e meravigliosamente. Voglio cadere follemente. Voglio cadere completamente. Voglio cadere con grazia e disordine, perché qualcuno che saprò solo è giusto per me in tempo.

Voglio solo cadere.

La luce diventa verde e innestiamo la marcia. Il sole è tramontato; il nero come la pece si solleva nel cielo, chiamando i nottambuli, i bar affollati e le onde selvagge dell'alta marea. Rimango in silenzio per un momento, separato dalla fretta. Riconoscendo il mio spazio in questa macchina, in questo universo.

Guardo le stelle, osservo il loro splendore. La notte sembra piena di possibilità e, appena esco dalla portiera del passeggero, lascio che le sue parole mi cadano dalle spalle. La notte accoglie un nuovo giorno, un nuovo inizio, una nuova possibilità di cadere.

E lo farò sempre sempre scegli di cadere.




Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

Articoli utili sulle relazioni e sulla vita che ti cambieranno in meglio
Il principale sito web di lifestyle e cultura. Qui troverai molte informazioni utili sulle relazioni. Molte storie e idee interessanti