Continuo a darti il ​​beneficio del dubbio perché voglio avere ragione su di te

  • Jeremy Day
  • 0
  • 2832
  • 381

La metà di me siede qui chiedendosi se sto sprecando il mio tempo. Il mio tempo, attenzione e pazienza vengono messi alla prova con ogni scusa che fai.

"Perché gli credi", chiedono?

Come se vedere il buono in qualcuno fosse un difetto. Come se voler credere che non ti stanno mentendo fosse male.

Voglio avere ragione.

Voglio credere che ci tieni.

Ascolto le scuse non perché sono stupido o stupido o alla disperata ricerca dell'attenzione di qualcuno. Lo faccio perché voglio avere ragione su di te.

È difficile però quando sei una persona onesta che significa tutto quello che dici, vuoi che tutti abbiano le stesse intenzioni.

Non sono ingenuo a pensare che tutti siano come me.

Ma spero che forse questa volta qualcuno potrebbe esserlo.

Quindi ti dico ok quando vuoi riprogrammare.

Ti perdono quando annulli l'ultimo minuto.

Non penso molto ai ritardi nelle tue risposte anche se rispondo subito ogni volta.

Ho imparato a non farti sperare perché tutto quello che sembri fare è deludermi.

Mi aspetto il peggio mentre spero segretamente che forse sono io quello che sbaglierà.

Forse sarò io a essere sorpreso.

Sono seduto qui ad aspettare vicino al telefono chiedendomi quando risponderai.

Rileggendo ciò che ho inviato e andava bene?

Sto qui ad aspettare pensando che forse non l'hai letto.

Dandoti il ​​beneficio del dubbio.

Mentire a me stesso solo per non essere così nervoso.

Ho imparato così tanto sulle relazioni, quelle giuste non ti lasciano ansioso o confuso o necessitano di troppe possibilità.

La mia pazienza continua a diminuire, ma continuo a sperare che mi sorprenderai.

Perché perdo tempo con persone come te è la domanda che mi pongo più e più volte. Dando via le possibilità come se fossero campioni gratuiti a Cosco. Accendo un fiammifero solo per bruciarmi perché ormai dovrei saperlo meglio.

Il fatto è che non sei sicuro di me.

Non sono io che ho bisogno di cambiare.

Poiché questi segnali contrastanti e mi portano avanti, mi lasciano paranoico interrogarmi, so che sei tu che non sei sicuro.

Entro nella maggior parte delle cose con sicurezza. Quando mi importa di te, lo sai.

Non faccio il timido e non gioco a giochi complicati per attirare la tua attenzione.

Quindi non sono io e come sento che non sei sicuro, sei tu stesso mentre ti chiedi se qualcuno come me possa adattarsi a questa tua vita.

Fliriti con l'idea di fare due passi verso di me solo per indietreggiare. Perché non sono come gli altri. Non ti mentirò. Non scherzo con la tua testa. Non ti farò del male.

Così, mentre armeggi tra le scuse, l'ho sentito mille volte, lasciandomi deluso. Me ne vado sconvolto ma sapendo molto bene riporre fiducia in qualcuno, avere speranza, anche se non ne ho motivo, è tutto ciò che conta.

E se la cosa peggiore che puoi dire di me è che ci tenevo troppo e non avevo paura di dimostrarlo, posso conviverci.

Perché so che la persona giusta vedrà il valore in questo, vorrei solo che fossi tu e una parte di me si aggrappa ancora alla speranza che potrebbe essere.




Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

Articoli utili sulle relazioni e sulla vita che ti cambieranno in meglio
Il principale sito web di lifestyle e cultura. Qui troverai molte informazioni utili sulle relazioni. Molte storie e idee interessanti