Il mio grande giorno è stato in realtà solo una grande delusione

  • John Blair
  • 0
  • 1808
  • 526

Non mi piace guardare le foto del mio matrimonio. Ecco, l'ho detto. Non è che non siano belli, oggettivamente lo sono. Piuttosto, è che la storia che raccontano è incompleta. Mostrano una sposa in un perfetto abito bianco e un ampio sorriso circondata da meticolosi dettagli fai-da-te in un elegante loft di Brooklyn. Quello che non mostrano è la battaglia che sta combattendo nella sua testa, il sudore sui suoi palmi e il panico stretto nel suo petto. Guardare le foto mi riporta a quella sensazione. Nonostante le apparenze, i ricordi dolorosi troppo spesso oscurano i ricordi felici di quel giorno.

Avevo 9 anni quando ho avuto il mio primo attacco di ansia. Essendomi recentemente trasferito in una nuova scuola a metà anno, venivo preso in giro senza pietà dai miei compagni di classe per il mio debole per la lettura e per il pudge pre-pubescente. Alla disperata ricerca di un'amica, mi sono avvicinata a una ragazza nel parco giochi e le ho chiesto di partecipare a qualsiasi gioco stesse orchestrando. Mi ha negato all'istante. Ero mortificato e ho passato il resto della giornata a interpretare l'interazione più e più volte nella mia mente, chiedendomi cosa avrei potuto dire diversamente per renderla come me. Quella notte, nella mia stanza, fui preso da un panico soffocante ei miei genitori si guardarono l'un l'altro con preoccupazione e incredulità mentre singhiozzavo sul pavimento. Diventai ansioso anche solo al pensiero della ricreazione e la evitai a tutti i costi per il resto dell'anno.

Man mano che crescevo fino all'età adulta, anche le mie ansie sono maturate. I pensieri ciclici, ansiosi e autocritici erano persistenti e anche se negli anni ho stretto delle amicizie forti e belle, ho vissuto nella paura di essere sempre solo una mossa sbagliata per non perdere tutto. Sono diventato iper-organizzato e avevo bisogno di sapere che tutto intorno a me era sotto controllo prima di potermi sentire a mio agio. Mi sono tenuto a standard irrealisticamente elevati, socialmente e accademicamente. Confrontavo costantemente le mie esperienze, il mio corpo e le mie cose con quelle delle persone intorno a me e vivevo ogni giorno con un profondo senso di inadeguatezza. Pensieri come questi non sono stati discussi, quindi ho pensato che anche tutti quelli intorno a me li avessero, che fossero solo una parte della crescita.

A 18 anni mi sono trasferito da casa per andare al college e all'inizio del mio primo anno ho incontrato Chris. Era uno junior nel mio gruppo a cappella, alto e carino con una voce roca e una conoscenza impressionante delle curiosità di Bob Dylan. In pochi mesi ci siamo innamorati profondamente e ho condiviso con lui ansie e insicurezze di cui non avevo mai parlato prima. Mi ha aiutato a modificare i miei documenti quando temevo che non fossero abbastanza buoni da presentare e in cambio gli ho preparato toast per la colazione la domenica. Era terribile ma lo mangiò lo stesso con un sorriso, e all'improvviso essere perfetto non sembrava importante quanto divertirsi insieme. Quando la mia mente correva e non riuscivo a dormire, mi leggeva ad alta voce qualsiasi libro fosse sul comodino finché non mi addormentai. Mi sentivo libero intorno a lui, curato, sostenuto e completo. Dopo essersi diplomati e essersi sistemati nei nostri rispettivi percorsi di carriera, a meno di otto anni dal nostro primo appuntamento, Chris mi ha chiesto di sposarlo.

Non sono mai stata una ragazza che ha fantasticato sul suo matrimonio da sogno, ma sapevo che volevo averne uno. L'opportunità di avere tutte le persone che amiamo in un unico posto e di condividere la nostra eccitazione con tutte loro era semplicemente troppo speciale per lasciarsela sfuggire. Ho riempito la mia ansia stabilendo un budget e facendo un milione di liste. Tutto sotto controllo, tutto sotto controllo. Chris, il consumato cheerleader e aiutante, si è preso diligentemente cura di qualsiasi compito gli ho delegato. Abbiamo trascorso felicemente le nostre notti e i fine settimana creando dettagli e pianificando le nostre scelte musicali. E quando la mia ansia si insinuava, Chris mi ricordava perché stavamo facendo tutto, che la cosa più importante era il nostro amore reciproco e che stavamo costruendo un giorno per celebrarlo. Nel complesso, durante quell'anno di pianificazione, la nostra eccitazione ha superato la mia ansia ed ero sicuro che tutto il nostro lavoro si sarebbe concluso nel miglior giorno di sempre, proprio come tutti avevano detto che sarebbe stato..

Quando finalmente è arrivato, però, le cose si sono fatte difficili. Da ogni angolo sembravano emergere ostacoli e drammi. Il coordinatore che avevamo assunto per la giornata, che ci ha ripetutamente deluso in piccoli modi per settimane, ha iniziato la giornata con una serie di domande frenetiche che hanno aperto la mia eccitazione attraverso i quali pensieri ansiosi potevano sfuggire. Eravamo in ritardo sul programma ei nostri venditori non sapevano dove andare, e quando siamo arrivati ​​al luogo del matrimonio per le foto le cose erano a malapena sistemate. Potevo percepire il vuoto del controllo e, per quanto cercassi di resistere, non potevo fare a meno di sentire il bisogno di riempirlo da solo. La mia ansia ha improvvisamente annebbiato tutto e mi ha fatto diffidare che tutto sarebbe andato come previsto. Ero preoccupato se le persone si stavano divertendo, ero iper consapevole di tutto ciò che era fuori linea e mi sentivo a disagio ad essere al centro dell'attenzione in quello stato. Poi, naturalmente, ero preoccupato per il fatto di essere così ansioso quando questo doveva essere il giorno più bello della mia vita. E il ciclo è continuato.

Non è che non mi divertissi, una volta che le cose si sono avviate, sono stato in grado di lasciarmi andare qua e là. Ho adorato la cerimonia, pronunciata da un nostro caro amico, e pensare al nostro primo ballo mi fa ancora venire le lacrime alle lacrime. I nostri amici e la nostra famiglia ci hanno fatto sentire così amati e so quanto siamo stati fortunati ad aver avuto un matrimonio. È stato davvero bello e speciale in tanti modi. Ma quando mi sono svegliato la mattina dopo, sono stato sopraffatto da una sensazione di fallimento per non aver provato l'euforia che tutti mi dicevano. Nei mesi seguenti, ho pianto la perdita della giornata che pensavo avrei dovuto avere. È diventato molto più facile soffermarsi sulle piccole cose che sono andate storte - le foto che non abbiamo ottenuto o i segnaposto che non erano giusti - piuttosto che sulle tante altre cose meravigliose.

Il giorno del tuo matrimonio è costruito per essere il giorno più bello della tua vita, un giorno in cui sei completamente innamorato e felice. Anche se in quel momento non me ne rendevo conto, avevo pensato che sarei stato troppo felice per essere influenzato da eventuali disavventure che si sarebbero verificate. Ma in sostanza ciò significava presumere che sarei stata una persona completamente diversa per un giorno della mia vita. Anche se fosse stato il giorno del mio matrimonio, avrei dovuto sapere che sarei ancora ansioso, che avrei comunque bisogno di sentire che le cose erano sotto controllo. In effetti, avrei dovuto sapere che avrei sentito quelle cose Di più intensamente, non che se ne andassero magicamente. Non dubito che molte spose si sentano così positivamente riguardo ai loro matrimoni e sono sinceramente felice per loro. Ma non sono mai stato obbligato a essere uno di loro.

Fino a poco tempo fa, ero profondamente imbarazzato per aver provato questi sentimenti per il mio matrimonio. Temevo di sembrare viziato o ingrato. Avevo anche paura che la verità avrebbe dato l'impressione che ci fosse qualcosa di sbagliato nella mia relazione, o che avevo sentimenti contrastanti sul matrimonio perché avevo sentimenti contrastanti sulla persona che avevo sposato. Ma davvero questo non potrebbe essere più lontano dalla verità. Amo Chris ogni giorno di più. Anche se non ha vissuto il nostro matrimonio allo stesso modo (si è divertito moltissimo), ha lavorato duramente per cercare di capire i miei sentimenti e aiutarmi a superarli. Sono grato e commosso che sia stato così bello per lui, però, quindi ho cercato di stare attento a non lasciare che la mia ansia contaminasse i suoi ricordi. Apprezzo che sia portatore di una narrazione più felice della giornata.

Tuttavia, trovo difficile guardare le nostre foto. Assistere o vedere le foto di altri matrimoni è altrettanto sconvolgente, è fin troppo facile concentrarsi sulle cose che sembrano andare bene e confrontarle con le cose che mi preoccupano del mio. Ma cerco di tenere a mente la moltitudine di alti e bassi che avvengono a porte chiuse. Mi pento di aver fatto un matrimonio? No. Sono commosso dal fatto che siamo stati in grado di condividere il nostro amore con le persone più importanti per noi. Inoltre, conosco me stesso e la mia ansia abbastanza bene da sapere che se ci fossimo sposati al municipio avrei trovato un altro modo per essere ansioso per la mia scelta e invidioso delle esperienze degli altri. Alla fine, non si tratta del matrimonio. Riguarda il potere dell'ansia di sopraffare anche i momenti più felici.

Non vedo l'ora che arrivi il giorno in cui i matrimoni non susciteranno questi sentimenti negativi per me. Sta lentamente diventando più facile nel tempo. La meditazione consapevole e lo yoga hanno aiutato, così come la terapia e i farmaci per l'ansia. Fino ad ora, ho sentito il bisogno di abbellire la mia storia del nostro matrimonio, di dire che è stato davvero il giorno più bello della mia vita perché è quello che tutti vogliono e si aspettano di sentire. Ma ho capito che combattere la verità è molto più difficile che perdonarla e accettarla. Quindi il giorno del mio matrimonio non è stato quello che mi aspettavo, ma alla fine è stato solo un giorno della vita passato con qualcuno che amo profondamente. Spero di poter raggiungere un punto in cui guardare indietro alle foto del matrimonio mi dà gioia. Per ora, sto trovando gioia in tutto ciò che è accaduto per me e Chris dal matrimonio, e guardando avanti al futuro.




Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

Articoli utili sulle relazioni e sulla vita che ti cambieranno in meglio
Il principale sito web di lifestyle e cultura. Qui troverai molte informazioni utili sulle relazioni. Molte storie e idee interessanti