La cura di sé è tutto ciò che ti riporta a casa da te stesso

  • Roger Phillips
  • 0
  • 3293
  • 76

Scivola fuori dal letto e, mentre le dita dei piedi toccano il pavimento, immagina tutte le altre persone che scivolano fuori dal letto con te. Il dottore nel tuo quartiere, la giovane madre di quattro stati, l'adolescente dall'altra parte del mondo. Trova conforto in questa tranquilla solidarietà: i mille altri corpi che si imbottiscono per la doccia, cigolando sull'acqua, esaminando allo specchio i loro volti mattinieri. Sappi che non sei solo.

Mentre ti prepari, concediti del tempo. Accendi la doccia e aspetta che il vapore si arriccia intorno alla tenda prima di entrare. Lascia che la tua pelle si riscaldi, le tue spalle si sciolgano e la tua mente diventi vuota. Rimani lì per qualche istante più a lungo di quanto devi. Chiudi gli occhi.

Quando scendi, fermati. Osserva qualcosa di sottile che solo tu, qualcuno nel tuo corpo, puoi sapere, come come il calore si sente ancora attaccato alla tua pelle, o come l'aria fredda inizia a succhiare i tuoi capelli asciutti.

Mentre ti vesti, trattati come qualcuno di cui ti prenderesti cura. Apri una finestra e riempiti il ​​petto con l'aria fresca, sentendo la pelle d'oca strisciare lungo la schiena. Accendi una candela e applica una lozione sulle caviglie. Muoviti deliberatamente. Quando guardi la tua faccia allo specchio, la faccia che è rotta per le tue risate e ha assorbito le tue lacrime quindicimila volte, ammirala. Scegli di indossare un colore che faccia risaltare la luce sulle guance.

Quindi, tratta la tua colazione come un'occasione. Nutriti con ogni profumo, vista e suono. Prepara una tazza di caffè forte; lasciate che la cucina si riempia con i suoi viticci di quercia. Bevi lentamente ogni sorso, lasciandoti sprofondare nel rituale. Senti le tue vene che iniziano ad aprirsi. Rompi un uovo e guardalo mentre striscia assonnato sulla padella, o taglia una pesca e fermati a meravigliarti al suo tramonto di colori; la sua dolcezza. Disponi il tuo cibo sul tuo piatto preferito: la porcellana da matrimonio blu sbiadita di tua madre o la ciotola gialla scheggiata che hai rubato a un compagno di stanza. Assaggia ogni boccone.

Quando esci, prendi qualcosa dentro, che sia l'erba verde elettrico, una crosta di neve o la tenda semiaperta nella finestra dall'altra parte della strada. Se l'aria è fresca, lascia che ti svegli. Se fa caldo, rilassati nel suo calore. Andare avanti.

Durante i tuoi spostamenti, senti, ancora una volta, la solidarietà con tutte le altre facce stanche del mattino che cercano solo di arrivare dove stanno andando. Apprezzo la serietà in esso, il modo in cui ogni persona ha trascorso alcuni istanti a scegliere la camicia che sentiva sembrava migliore quella mattina. L'ultimo sguardo incerto che si guardarono allo specchio prima di precipitarsi fuori dalla porta. Il nodo di personalità che hanno dentro che assomiglia proprio alla tua: le ultime parole che turbinano da una lite con un coniuge, l'aspettativa per un primo giorno o un primo appuntamento, la speranza che qualcuno li guardi o che non lo sia. Sentiti un po 'più unito ai tuoi simili mentre ti avvicini all'uomo che si è addormentato contro il finestrino della metropolitana o intravedi una donna che cerca di mettersi il mascara tra le luci rosse.

Quando arrivi al lavoro, hai già vissuto un'intera giornata nella tua mente, la tua prospettiva è cambiata lentamente con ogni pensiero, ogni movimento lento e attento. Quando ti siedi alla scrivania, potresti sorridere. È quasi martedì.




Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

Articoli utili sulle relazioni e sulla vita che ti cambieranno in meglio
Il principale sito web di lifestyle e cultura. Qui troverai molte informazioni utili sulle relazioni. Molte storie e idee interessanti