Questo è ciò che accade al tuo cervello quando prendi ciascuno di questi diversi farmaci

  • Brian Ferguson
  • 0
  • 3261
  • 125

Caffeina

L'adenosina è una sostanza chimica presente in natura nel cervello e nel corpo che ci fa venire sonno. La caffeina è strutturata in modo molto simile all'adenosina, quindi quando la consumiamo, la caffeina si lega ai recettori dell'adenosina nel nostro cervello e impedisce all'adenosina di legarsi, in modo che non ci sentiamo stanchi.

La caffeina aumenta anche l'apporto di adrenalina nel nostro corpo, aumentando la frequenza cardiaca, pompando sangue e aprendo diverse vie respiratorie. Inoltre impedisce alla dopamina di essere riassorbita nel tuo sistema, il che significa che la dopamina (che è responsabile della nostra felicità) rimane nel tuo cervello più a lungo e ti fa sentire bene. Questo effetto della dopamina è anche il motivo per cui la caffeina può facilmente creare così dipendenza, il che è problematico perché più caffeina bevi regolarmente, più recettori dell'adenosina si sviluppano nel tuo cervello, che quindi richiede di consumare ancora più caffeina per sentirti più sveglio.

Poiché la caffeina restringe i vasi sanguigni per creare l'effetto dopamina nel cervello, quando smetti di consumare caffeina, quei vasi sanguigni devono espandersi di nuovo. Questo è ciò che causa mal di testa da caffeina.

Cocaina

Non importa come la cocaina venga inizialmente ingerita, viaggerà immediatamente attraverso il flusso sanguigno e raggiungerà il cervello entro un paio di secondi. L'effetto principale della cocaina è l'euforia: la cocaina scatena reazioni nel cervello simili a ciò che accade quando realizzi qualcosa o sei ricompensato. Questo è anche il motivo per cui la cocaina dà un falso senso di grandiosità o superiorità agli utenti, perché inganna il cervello facendogli credere che stai vivendo un vero successo.

La cocaina attiva anche un'area del cervello che forma i ricordi, il che significa che questa parte del cervello si illumina quando si sperimenta la cocaina e poi ricorda il luogo, le persone e l'intera esperienza di fare la droga come un "ricordo felice". Questo di solito è il motivo per cui vedere le persone con cui hai fatto la cocaina o essere vicino al luogo in cui hai fatto la cocaina può innescare un desiderio impulsivo di farlo di nuovo.

Sebbene ciò non sia stato ancora dimostrato negli esseri umani, studi con topi da laboratorio (che hanno un sistema cerebrale strutturato in modo molto simile al nostro, anche se meno complicato) hanno concluso che l'esposizione ripetuta alla cocaina ha un impatto sulla corteccia prefrontale del cervello (che è l'area che aiuta con il processo decisionale e l'inibizione), il che significa che più volte i topi hanno ricevuto il farmaco, più è probabile che lo assumessero ancora e ancora ogni volta che avevano la possibilità di farlo. In uno studio, quando è stata data la scelta, i topi di laboratorio hanno scelto ripetutamente la cocaina al posto del cibo finché non sono morti di fame.

Alcol

Il consumo intenso di alcol interferisce con l'ippocampo, un'area del cervello responsabile dell'apprendimento e della memoria. Quello che succede è che una volta che l'alcol entra nel flusso sanguigno, rallenta e talvolta ferma anche i segnali inviati dall'ippocampo, impedendo a determinati neuroni del cervello di comunicare tra loro in modo efficace. Questo quindi interrompe temporaneamente la capacità del cervello di creare nuovi ricordi, AKA un blackout. Mentre il tuo cervello funziona anche se sei svenuto (puoi ancora parlare, inviare messaggi ubriachi, ecc.), Il tuo cervello non riesce a ricordare cosa sta succedendo.

Gli studi hanno anche dimostrato che più bevande consumi in una notte, soprattutto se stai bevendo in modo incontrollato, più è difficile per te completare anche le attività più semplici. L'alcol spegne alcune parti del cervello che sono necessarie per prendere qualsiasi tipo di decisione o completare qualsiasi tipo di compito semplice, quindi per una persona ubriaca fare lo stesso compito umile di una persona sobria, segnali da diverse aree del cervello che di solito non sarei coinvolto devono entrare e aiutare.

Marijuana

Le piante di marijuana producono una serie di composti chimici (chiamati cannabinoidi), due dei quali sono chiamati delta-9-tetraidrocannabinolo (THC) e cannabidiolo (CBD). Il THC è il composto psicoattivo ed è il motivo per cui ti senti su di giri (più THC stai fumando, più alto ti senti) e aumenta significativamente i livelli di dopamina nel cervello. Inoltre tende a renderti più sensibile al suono e alla fame. È stato scoperto che il CBD, che non ha effetti collaterali psicoattivi come il THC, riduce il dolore e aiuta a sentirsi più rilassati fisicamente (pensa alla marijuana medica).

Quindi, naturalmente, quando proviamo qualcosa di doloroso (dolore muscolare, infiammazione, stress, paure, sbalzi d'umore), il nostro corpo rilascia un neurotrasmettitore chiamato endocannabinoide, che viene inviato per alleviare il dolore. Fondamentalmente, quando fumi erba, stai ingerendo THC e CBD (che, ricorda, sono cannabinoidi stessi), che poi si attaccano ai recettori dei cannabinoidi che sono già naturalmente nel tuo cervello (perché ricevono comunque gli endocannabinoidi) e aumentare questi segnali in modo significativo per aiutarti a rilassarti. Questi recettori dei cannabinoidi si trovano nell'area del cervello associata all'apprendimento, alla memoria, all'ansia, al dolore e al controllo del movimento, motivo per cui gli effetti della marijuana possono variare da qualcosa come un'immensa sensazione di rilassamento, dall'annebbiamento mentale alla goffaggine..

Il motivo per cui alcune persone diventano davvero paranoiche dopo aver fumato erba, nonostante il fatto che dovrebbe aiutare ad alleviare l'ansia in primo luogo, è perché non hai il controllo sul fatto che il cannabinoide THC ecciti eccessivamente o rilassi l'amigdala - che è la parte di il cervello che elabora e controlla le reazioni emotive come la paura e la paranoia. Mentre il THC di solito ha un effetto rilassante sul cervello, se travolge i percorsi all'interno di questa parte del cervello (AKA se fumi troppo in una volta o mangi troppo di un commestibile), proverai sentimenti di paranoia intensificata e irrazionale e lo stress.

Funghi magici

L'ingrediente psicoattivo dei funghi magici è chiamato psilocibina. La psilocibina può essere trovata naturalmente in oltre 180 specie diverse di funghi e, una volta ingerita, influisce sull'attività in tutto il cervello, specialmente nel sopprimere l'attività che avviene nell'ego e nella parte del "senso di sé" del cervello. Questo è il motivo per cui i funghi hanno una notevole qualità antidepressiva e calmante.

La cosa strana in questo è che la psilocibina non sta solo sopprimendo quella parte del cervello o semplicemente inviando segnali in diverse parti del cervello, è letteralmente creando nuovi percorsi - questo è il motivo per cui alcune persone affermano di sentire i colori o vedere i suoni, ecc. mentre sono sui funghi. Sta generando percorsi molto organizzati e densamente trafficati per condividere le informazioni attraverso il tuo cervello - l'unico problema è che la psilocibina (al momento) non può essere necessariamente controllata dall'utente, motivo per cui a volte le persone sperimentano allucinazioni dolorose e spaventose.

Meth

La metanfetamina (Meth) è uno stimolante del sistema nervoso centrale e aumenta i livelli delle sostanze chimiche nel cervello che producono piacere. Non importa come la metanfetamina venga ingerita, una volta che colpisce il cervello, vengono rilasciate enormi quantità di noradrenalina e dopamina. Durante la "corsa" iniziale, la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna aumenteranno, seguite da quella alta, durante la quale sentirai effetti deliranti come superiorità, grandiosità, immortalità (che è molto pericolosa). Diventi anche concentrato sul laser su tutto, motivo per cui gli utenti di metanfetamine si fissano ossessivamente sul prendere la loro pelle.

Mentre gli effetti suonano simili all'uso di cocaina, la differenza cruciale tra cocaina e meth è che gli effetti della meth durano molto più a lungo. Mentre lo sballo della cocaina può durare solo un paio di minuti, la corsa alla metanfetamina può durare fino a 30 minuti e lo sballo che segue può durare tra le quattro e le 16 ore.

L'uso ripetuto di metanfetamina può distruggere la funzionalità in una varietà di aree cerebrali, tra cui l'ippocampo (memoria e apprendimento), striato (movimento e attenzione), corteccia parietale (ricordi non verbali, immaginazione), corteccia frontale e prefrontale (cognizione, ragionamento, attenzione, problem solving, inibizione) e cervelletto (movimento, funzioni cognitive).

Estasi

Una volta che l'MDMA è nel flusso sanguigno e colpisce il cervello, inizia immediatamente ad aumentare i livelli di serotonina (regola ansia, felicità, umore, sonno e appetito), dopamina (aiuta con i centri di ricompensa e piacere del cervello; regola le risposte emotive) e norepinefrinee (un ormone dello stress). Gli effetti sono simili ad altri stimolanti e allucinogeni e inducono il cervello a produrre false sensazioni di maggiore energia, piacere e calore emotivo. Può anche distorcere completamente i tuoi sensi (questo è il motivo per cui certe cose "si sentono" davvero bene quando sei sotto MDMA) e la percezione del tempo.

Tuttavia, poiché l'MDMA rilascia una quantità così enorme di serotonina in una volta, riduce anche la quantità di serotonina nel cervello giorni dopo che lo sballo è terminato, motivo per cui le persone di solito sperimentano episodi depressivi diversi giorni dopo aver assunto il farmaco.




Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

Articoli utili sulle relazioni e sulla vita che ti cambieranno in meglio
Il principale sito web di lifestyle e cultura. Qui troverai molte informazioni utili sulle relazioni. Molte storie e idee interessanti