Cosa succede quando non vuoi morire ma sei stanco di vivere

  • William Boyd
  • 0
  • 3577
  • 31
Avviso trigger: menzioni di suicidio e autolesionismo.

Non ti consideri un suicida. Non ti faresti mai del male attivamente. Non finiresti mai davvero la tua vita. Non prenderesti mai misure così drastiche perché conosci il va meglio le stronzate probabilmente contengono un pizzico di verità.

Ma sei stanco. Potresti dormire otto ore e ti sentiresti comunque come se fossi rimasto sveglio tutta la notte. Non potresti fare nulla tutto il giorno e sentirti ancora esausto, come se avessi appena corso una maratona.

Non lo fai volere morire, ma hai smesso di guardare in entrambe le direzioni quando attraversi la strada. Hai smesso di indossare la cintura di sicurezza all'interno della tua auto. Hai smesso di prendere quelle precauzioni di base perché hai smesso di preoccuparti di quello che ti sarebbe successo.

Non lo fai volere morire, ma premi un po 'troppo forte contro il rasoio quando ti radi la mattina. Ti pizzichi le croste finché non sanguinano e premi con forza sui tuoi lividi. Affondi le unghie in profondità nella tua pelle ogni volta che succede qualcosa di brutto, ogni volta che sei turbato, ogni volta che sei arrabbiato, perché ti fa sentire meglio in modo contorto. Ti procuri dolore e non pensarci due volte.

Non lo fai volere morire, ma rendi l'acqua della doccia così calda che la tua pelle diventa rosso vivo. E quando raddrizzi o arriccia i capelli, non stai così attento perché non ti importa se finisci per bruciare accidentalmente la tua pelle. Non ti importa se ti fai male, perché una parte di te sente che te lo meriti.

Non lo fai volere morire, ma muori di fame senza motivo. Bevi finché non sei svenuto. Ti prendi cura orribilmente del tuo corpo perché non ne sei felice, non sei felice di niente.

Non lo fai volere morire, ma sei stanco di vivere. Sei stanco di preoccuparti. Sei semplicemente stanco.

Certo, non ti definiresti mai un suicida perché non pensi mai di ingoiare pillole o tagliarti i polsi (almeno non in modo serio). Non ti consideri nemmeno un autolesionista perché non ti fai mai sanguinare - e se lo fai, è per caso. Non è mai apposta. Non è mai intenzionale.

Ti senti come se stessi bene perché non fai mai nulla di drastico, non fai mai nulla di evidente, ma continui a farti del male in piccoli modi - e deve finire. Chiama un amico. Chiama una hotline. Chiama qualcuno. Fare qualcosa. Ottenere aiuto. Rimettiti in carreggiata. Entra in uno stato mentale più sano in cui non ti sogneresti mai di farti del male. Dove ti prendi cura di te stesso, perché apprezzi te stesso. Perché sai che la tua vita ha un significato. Perché sai che i tuoi brutti giorni non dureranno per sempre e questa vita ti sembrerà degna di essere vissuta di nuovo.

Non puoi continuare a ferire il tuo corpo in questo modo, anche in piccoli modi, perché meriti di meglio. Ti meriti di amare te stesso. Ti meriti di mantenere alte le tue speranze per il futuro. Ti meriti di essere trattato con gentilezza - particolarmente da solo. 




Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

Articoli utili sulle relazioni e sulla vita che ti cambieranno in meglio
Il principale sito web di lifestyle e cultura. Qui troverai molte informazioni utili sulle relazioni. Molte storie e idee interessanti